Tag: barbora bobulova

brado

Brado è il film diretto da Kim Rossi Stuart nelle sale cinematografiche dal 20 ottobre

Brado è il film diretto da Kim Rossi Stuart che cura anche il soggetto e la sceneggiatura con Massimo Gaudioso

tratto dal racconto “La lotta” contenuto nella raccolta “Le guarigioni” di Kim Rossi Stuart,

edito da LA NAVE DI TESEO prodotto da Carlo Degli Esposti e Nicola Serra

bradoNel cast di Bardo ci sono:  Saul Nanni, Kim Rossi Stuart, Viola Sofia Betti, Federica Pocaterra,

Alma Noce, Paola Lavini con la partecipazione di Barbora Bobulova.

La produzione di Brado è PALOMAR una distribuzione VISION DISTRIBUTION

In Brado un figlio che non voleva più avere niente a che fare con suo padre,

è costretto ad aiutarlo a mandare avanti il ranch di famiglia dopo che questi si è fratturato alcune ossa.

I due si ritrovano per addestrare un cavallo recalcitrante e portarlo a vincere una competizione di cross-country,

ma allo stesso tempo provano a sciogliere quel grumo di rabbia, ostilità, rancore, che ha impedito loro per tanto tempo di essere vicini.

È un difficile percorso a ostacoli quello che deve compiere il cavallo, ma anche quello che devono affrontare i due per ricostruire l’amore e la vicinanza che avevano perduto.

In questa impresa li aiuterà un’addestratrice di cavalli, di cui il giovane si innamora.

Il regista Kim Rossi Stuart dice del film:

Un film di genere, dall’impianto classico, che trascina lo spettatore in un’impresa da compiere.

In questo caso si tratta di addestrare un cavallo difficile, recalcitrante, selvaggio e portarlo a vincere una competizione di cross-country.

Gli eroi, assieme al quadrupede, sono un padre e un figlio che si ritrovano proprio in questa occasione a

cercare di sciogliere quel grumo di rabbia, ostilità, rancore, che ha impedito loro per tanto tempo di essere vicini.

È un difficile percorso a ostacoli quello che deve compiere il cavallo, ma anche quello che devono affrontare i due per potersi ritrovare, per riconquistare l’amore perduto.

Se il film di genere tout-court solitamente resta in superficie, in questo caso il desiderio è quello di affiancare all’intrattenimento

 anche l’esplorazione di uno dei temi fondamentali dell’esperienza umana, domandandoci quale sia l’essenza del legame padre figlio.

Scoprendo forse che ritrovarsi è una tappa imprescindibile per salvarsi.

L’ambientazione è quella di un far west nostrano e il linguaggio del film, segue la naturale epicità di cui quel mondo è per definizione portatore.

Immagini ricche, quindi, ma senza cadere in estetizzazioni fini a se stesse.

I personaggi sono l’anima portante: un padre “scassato” e provato dalle decine di fratture che si è procurato in un corpo a corpo con i cavalli più o meno selvaggi che negli anni si sono succeduti.

E un figlio, introverso, tremendamente autonomo e indipendente per la sua giovane età, ma anche così

condizionato dall’esperienza educativa quasi brutale che il genitore gli aveva inflitto.

Attorno a loro ruotano altre figure importanti.

C’è la madre/moglie, che ovviamente ha giocato in passato un ruolo determinante e che tanto ha determinato con la sua assenza.

Lei è per eccellenza la cartina tornasole delle loro vite.

C’è la sorella/figlia che si prodiga al fine di riavvicinare i due protagonisti.

E ci sono due giovani donne che si succedono nella vita sentimentale del figlio.

Con la prima il ragazzo è impelagato in una serie di errori tanto simili a quelli che scopriremo aver commesso suo padre con la moglie.

La seconda invece è una allenatrice di cavalli, che sancirà il passaggio del ragazzo ad una

nuova dimensione di relazione con il femminile più sana e felice.

 

https://www.youtube.com/watch?v=WSJrbxEvKmc

https://www.comingsoon.it/film/brado/61320/scheda/

il re

Il re la serie con Luca Zingaretti in onda da marzo su Sky


Luca Zingaretti sarà il protagonista di Il Re, il primo prison drama targato Sky Original, in onda da marzo.

.Rilasciati in questi giorni il trailer  e le prime foto del set di Il Re.

il re La serie, in otto episodi diretti da Giuseppe Gagliardi, esordirà a marzo su Sky e in streaming su NOW.

Sky Studios produce Il Re con Lorenzo Mieli per The Apartment e con Wildside,

entrambe società del gruppo Fremantle, in collaborazione con Zocotoco.

Accanto a Luca Zingaretti nel ruolo del direttore Bruno Testori, Isabella Ragonese  nei panni di un’agente della polizia carceraria del San Michele,

Anna Bonaiuto che interpreta il pubblico ministero che indaga sulla rete di illeciti e connivenze che fanno capo a Testori,

Barbora Bobulova (che nella serie sarà l’ex moglie del personaggio interpretato da Zingaretti), e Giorgio Colangeli nei panni di Iaccarino, comandante della prigione e grande amico di Bruno Testori.

Ne Il Re  Zingaretti  è un protagonista in un ruolo lontanissimo da quelli che ne hanno fatto uno dei volti più conosciuti e amati della TV e del cinema italiani:

è, infatti, il controverso direttore di un carcere di frontiera, sovrano assoluto di una struttura – il San Michele – in cui nessuna delle leggi dello Stato ha valore, perché il bene e il male dipendono unicamente dal suo giudizio.

Il soggetto di serie de Il Re è di Stefano Bises, Peppe Fiore, Bernardo Pellegrini, Massimo Reale, Davide Serino.

La sceneggiatura è di Stefano Bises, Peppe Fiore, Bernardo Pellegrini, Davide Serino.

Il San Michele è un carcere di frontiera dove Bruno Testori, il Direttore, esercita la sua personale idea di giustizia,

il suo quarto grado di giudizio, al di sopra della legge dei tribunali e dei codici di procedura penale.

Perché dietro ogni detenuto c’è una storia, una vita deragliata:

e anche se fuori dal carcere la prima a essere andata fuori dai binari è proprio la sua, dentro il San Michele Bruno è un sovrano assoluto.

Spietato con chi lo merita, e inaspettatamente misericordioso con altri, sempre seguendo i principi della propria distorta e oscura morale.

Ma quando il regno rischia di crollare, minacciato da un pericolo imminente, Bruno si troverà a combattere la guerra più difficile.

Il distributore internazionale è Fremantle.