Tag: Universal Pictures

minions 2

Minions 2 – Come Gru diventa cattivissimo: trionfo d’incassi

Minions 2 – Come Gru diventa cattivissimo è il film diretto da Kyle Balda, Brad Ableson e Jonathan del Val.

Sequel del film Minions del 2015, la pellicola è lo spin-off e prequel del franchise iniziato con Cattivissimo me del 2010.

minions 2Il soggetto è di Cinco Paul, la sceneggiatura di Brian Lynch e Matthew Fogel.

I produttori sono: Chris Meledandri, Janet Healy, Chris Renau, mentre il produttore esecutivo è Brett Hoffman, Latifa Ouaou.

La casa di produzione è l’Illumination Entertainment e la distribuzione in italiano è a cura dell’Universal Pictures.

In soli tre giorni dalla uscita, cioè dal 18 agosto, Minions 2 – Come Gru diventa cattivissimo, ha incassato ben 4 milioni e 392 mila euro.

Ci sono state inoltre tre anteprime del film l’8, il 9 e il 10 agosto che hanno totalizzato 5.928.089 €.

Il risultato è davvero strabiliante  come conferma  Xavier Albert, Managing Director di Universal Pictures International Italy:

“Siamo particolarmente orgogliosi di questo risultato raggiunto in una situazione di mercato ancora molto difficile.

 I Minions hanno riportato l’Italia ai livelli di box office performance che questo mercato merita.

Un grande grazie a tutto il team di Universal Italia per il coraggio, la forza e il grande impegno.

 Il primo weekend del film è un altro segnale positivo per noi, per tutta l’industria italiana e soprattutto per gli esercenti.

Il miglior inizio per una stagione che ci porterà altri grandi traguardi“.

Va sottolineato anche il risultato ottenuto in Cina:  3,2 milioni di dollari (21,74 milioni di RMB) guadagnati nella prima giornata di uscita,

che fanno di Minions 2 – Come Gru diventa cattivissimo il miglior debutto di un film d’animazione proveniente da Hollywood da prima della pandemia.

Negli anni 70, molto prima di diventare il maestro del male, Gru (doppiato in italiano sempre da Max Giusti) è un dodicenne di periferia di lungimiranti ambizioni.

Lui desidera conquistare il mondo dal suo scantinato, ma non ottiene grandi risultati.

Quando incontra i Minions forma una sorta di famiglia strampalata. Insieme, costruiscono il loro covo, sperimentando le prime armi e mettendo a segno le prime missioni.

Quando il famigerato super gruppo di cattivi chiamato i Malefici 6 spodesta il loro leader di nome Wild Knuckles, Gru si reca ad un colloquio per diventare il nuovo membro del gruppo.

I Malefici 6 inizialmente non sono impressionati dall’aspirante cattivo, ma poi Gru li supera in astuzia, facendoli infuriare ritrovandosi ad essere improvvisamente il mortale nemico dei più cattivi al mondo.

 

 

 

 

 

 

corro da te

Corro da te di Riccardo Milani con Favino e Leone in uscita il 17 marzo

Corro da te è un film del 2022, diretto da Riccardo Milani, con Pierfrancesco Favino e Miriam Leone in uscita al cinema il 17 marzo 2022.

Corro da te  è distribuito da Vision Distribution, Universal Pictures.

Il cast di Corro da te è composto da: Pierfrancesco Favino, Miriam Leone, Pietro Sermonti,

Vanessa Scalera, Pilar Fogliati, Andrea Pennacchi, Carlo De Ruggieri, Giulio Base, Michele Placido,

Piera Degli Esposti nella sua ultima interpretazione arricchisce il cast con la sua immensa bravura.

La sceneggiatura di Corro da te è firmata da Furio Andreotti, Giulia Calenda, Riccardo Milani.

Il film è un remake  di Tutti in piedi, film del 2018 di Franck Dubosc

Il direttore della fotografia è Saverio Guarna, la scenografa è a cura di Marta Maffucci e i costumi sono di Alberto Moretti.

Inoltre, le musiche originali del film sono del compositore Piernicola Di Muro.

Il film è una produzione Wildside e Vision Distribution in collaborazione con SKY, in collaborazione con Prime Video.

Bello, sportivo, single incallito e seduttore seriale, Gianni è un quasi cinquantenne in carriera a capo di un importante brand di scarpe da running che vanta tra i suoi testimonial i più grandi atleti del momento.

Disposto a tutto pur di conquistare la giovane donna di turno, per una serie di circostanze arriva a fingere di essere costretto su una sedia a rotelle,

quindi questa volta puntando tutto sulla pietà, per lui l’unico sentimento che è possibile provare nei confronti di un disabile.

Ma quando incontra Chiara, una donna solare e dinamica, musicista per lavoro e tennista per passione nonostante l’incidente

che l’ha resa paraplegica, inizia a provare per lei tutt’altro tipo di sentimenti.

Attraverso lei e i suoi amici, sportivi e vitali almeno quanto lei, Gianni non potrà far altro che cambiare prospettiva su molte cose:

la vita, l’amore, la disabilità in sé. Imparerà che l’unico vero handicap è l’assenza di forza d’animo, per ritrovarsi infine totalmente cambiato sia come uomo che come businessman.

La ragazza di Stillwater con uno straordinario Matt Damon

La ragazza di Stillwater  è il film diretto da Tom McCarthy, con Matt Damon e Abigail Breslin in uscita al cinema il 9 settembre 2021 distribuito da Universal Pictures.

la ragazza di stillwaterBill, un operaio dell’industria petrolifera, parte dall’Oklahoma alla volta di Marsiglia per visitare la figlia Allison, finita in carcere per un delitto che sostiene di non aver commesso.

Messo alla prova dalle barriere linguistiche, dalle differenze culturali e da un complesso sistema legale, Bill rende la battaglia per la libertà della figlia la propria missione.

Durante questo percorso, sviluppa un’amicizia con una donna locale e la sua piccola bambina,

che lo porterà ad allargare il proprio sguardo e a scoprire un nuovo e inatteso senso di empatia con il resto del mondo.

Ho iniziato a lavorare a La ragazza di Stillwater circa dieci anni fa.  – dice il regista – Avevo intenzione di realizzare un thriller ambientato in una città portuale europea.

Mi ispiravano un paio di scrittori noir mediterranei come Andrea Camilleri, Massimo Carlotto e Jean-Claude Izzo, la cui brillante Trilogia di Marsiglia mi ha portato nella città francese.

Una sola visita a Marsiglia e sapevo già di aver trovato il mio posto ideale. 

Vivere e girare a Marsiglia ha avuto un enorme impatto sul film.

Non abbiamo passato nemmeno un giorno in uno studio di posa.

Abbiamo perlustrato la città a fondo e questa si apriva a noi, facendoci scoprire il suo animo.

Dalla sceneggiatura alla produzione, la realizzazione di La ragazza di Stillwater è frutto della collaborazione non solo di talenti ma anche di culture cinematografiche differenti.

Per me è stata una sfida continua dover rivedere il mio approccio e le mie motivazioni, appoggiandomi al modo francese di fare cinema e imparando.

Matt Damon  è stato davvero determinate per il successo già ricevuto nei festival del film come conferma McCarthy:

Matt è stato determinante per la riuscita del film. L’intero cast è fantastico, da Camille Cottin ad Abigail Breslin,

passando per la nostra arma segreta, la piccola Lilou Siauvaud.

Ma la performance di Matt è l’anima del film stesso.

La ragazza di Stillwater è un film che  parla dell’America e del posto degli americani nel mondo.

È una storia di liberazione che affronta le catene della vergogna e del senso di colpa che ci tengono legati a un posto.

È un film che affronta il nostro desiderio di essere amati e necessari.